L'emporio circolare

La costola di Adamo – Antonio Manzini

Lo scorrettissimo vicequestore Rocco Schiavone trasferito da Roma ad Aosta per motivi disciplinari ritorna in questo secondo romanzo in cui dovrà indagare sulla morte di Ester Baudo, trovata morta impiccata con dei fili elettrici all’interno del suo appartamento messo soqquadro.
Set 19

La costola di Adamo – Antonio Manzini

Lo scorrettissimo vicequestore Rocco Schiavone trasferito da Roma ad Aosta per motivi disciplinari ritorna in questo secondo romanzo in cui dovrà indagare sulla morte di Ester Baudo, trovata morta impiccata con dei fili elettrici all’interno del suo appartamento messo soqquadro.

L’amore è una scureggia nel cuore

Di fronte a certi pensieri è difficile non valutare una sana lobotomia transorbitale da ambulatorio (di quelle che si facevano infilando uno spillone sopra le orbite dando una rapida sventagliata per spazzare via i neuroni dei personaggi troppo agitati) come un’alternativa auspicabile al continuo ripresentarsi di ossessioni. Le soluzioni estreme recano sollievo immediato ma implicano danni a…

View On WordPress

Set 17
L’amore è una scureggia nel cuore
Lo scannatoio – Émile Zola

Gervaise (in alcune vecchie traduzioni tradotto con l’orribile Gervasia) lavora come lavandaia dipendente a Parigi. Il fidanzato, Auguste Lantier, la molla per scappare con un’altra donna lasciandola da sola a mantenere i loro due figli Étienne e Claude.
Set 11

Lo scannatoio – Émile Zola

Gervaise (in alcune vecchie traduzioni tradotto con l’orribile Gervasia) lavora come lavandaia dipendente a Parigi. Il fidanzato, Auguste Lantier, la molla per scappare con un’altra donna lasciandola da sola a mantenere i loro due figli Étienne e Claude.

(Terza Parte)

Cesare uscì dalla stalla e gli spari iniziarono a farsi sempre più vicini. Da lontano vide il gruppo di ribelli che correva scomposto nella direzione del paese girandosi alle proprie spalle ed esplodendo proiettili verso un nemico invisibile.
Erano rimasti in sette, ansimanti, sudati e spaventati con la morte negli occhi. Il ragazzo che si strofinava il naso era ancora con loro e…

View On WordPress

Set 10
La risalita (Finale)

La risalita (terza parte)

(Seconda Parte)

Erano tutti sporchi e visibilmente emaciati, imbruttiti dalla magrezza malcelata da lunghe barbe incolte e da baschetti spioventi sulla testa. Fu Adele a vederli per prima mentre si avvicinavano alle case e corse con la sua andatura saltellante fino da Cesare per avvertirlo dell’imminente arrivo. Il fucile era inutile di fronte a dieci uomini armati quindi li aspettò senza tenere…

View On WordPress

Set 8
La risalita (terza parte)

La risalita (seconda parte)

(PRIMA PARTE)

Era un piccolo borgo con case in pietra praticamente spopolato ad eccezione di quattro famiglie di pastori. Vivevano come una specie di piccola comune in cui condividevano ogni risorsa e gestivano insieme i problemi, perché “le difficoltà di uno erano le difficoltà di tutti” diceva sempre nonno Cesare. Si aiutavano a vicenda ed erano (more…)

View On WordPress

Set 5
La risalita (seconda parte)

Quando aprì gli occhi fu invaso dall’orrore.
La prima cosa che vide fu il volto sfigurato di un morto. Era circondato da cadaveri smembrati e da corpi martoriati ricoperti da sangue rappreso in ampie macchie violacee mescolate a polvere e fango. L’odore dolciastro e pestilenziale attaccava le narici e si aggrappava alle pareti dello stomaco stringendolo in una morsa d’acciaio. Si sentiva soffocare…

View On WordPress

Set 3
La risalita

Icaro è volato via

Ho immaginato di non essere qui. Per un attimo solo di essere altrove. Di staccarmi violentemente da questo corpo e andare verso quell’orizzonte rosa. Senza pesi. Con qualche schiaffo in più e qualche lacrima in meno. Senza bagagli, nudo e libero in un letto di piume oltre le nuvole, con tanti sorrisi nelle gambe ed una sola scintilla tra le dita, da preservare a tutti i costi dalle folate di…

View On WordPress

Set 1
Icaro è volato via
Open City – Teju Cole

Julius è un giovane psichiatra di origini nigeriane che quando non lavora trascorre la maggior parte del suo tempo in lunghe camminate senza meta per le vie della città di New York che diventano l’occasione per riflessioni personali, collegate anche
Ago 29

Open City – Teju Cole

Julius è un giovane psichiatra di origini nigeriane che quando non lavora trascorre la maggior parte del suo tempo in lunghe camminate senza meta per le vie della città di New York che diventano l’occasione per riflessioni personali, collegate anche

#12# http://wp.me/s2ZLcX-12

Quale forma di perversione mentale moderna, disturbo di personalità, compulsione o perseveranza senile può spingere un uomo a fischiettare ininterrottamente un fottuttissimo motivo wester (con tanto di acuti!!!!) per un’ora e un quarto di viaggio in treno che non sia la voglia di trasformare un vagone di pendolari in aspiranti serial killer?

View On WordPress

Ago 28
#12#